Produttori

Sapete cosa si nasconde dietro a prodotti di tradizione che tanto stimolano il nostro palato? Potremmo rispondervi raccontando l'eccellenza della materia prima, o il tramandarsi del sapere culinario ma in realtà, l'ingrediente principale è sempre e solo uno: le persone. Si, perchè dietro ai nostri prodotti ci sono famiglie che da anni trasformano la loro passione e conoscenza in prodotti incredibili. Vi presentiamo i produttori e le botteghe di Vovo Market. 

Macelleria Ceresi, dal 1852.

La famiglia Ceresi lavora la carne da prima che i nostri nonni nascessero. Se c'è qualcuno che "ne sa" di tagli e frollatura sono proprio loro. Piccola bottega di San Giovanni in persiceto, la loro macelleria è diventata negli anni una vera e propria istituzione del territorio, grazie alla selezione esclusiva della materia prima e all'esperienza raccolta di generazione in generazione.

Caseificio Lucchesi, il regno di Sauro.

Sauro Lucchesi iniziò a lavorare come casaro a soli 22 anni. Da allora, ha dedicato la sua vita alla produzione artiginanale di formaggi, aprendo finalmente il suo caseificio negli anni 90. Sebbene il laboratorio di produzione sia il suo regno, ha accolto e tramandato la sua esperienza a tutta la famiglia; dalle figlie, al fratello, ai nipoti i quali, sono diventati colonne portanti di questa realtà artigianale.

Azienda agricola Palladino, fratelli in erba.

Chi ha detto che i giovani non hanno voglia di fare? I fratelli Palladino hanno coraggiosamente deciso di prendere in mano l'eredità agricola lasciata dal padre e portarla ad un livello successivo. Promuovono la crescita di frutta e verdura secondo il naturale ciclo stagionale, senza l'utilizzo di agenti chimici o pesticidi. Sole, acqua e terra sono gli unici metodi utilizzati in azienda agricola.

Azienda agricola Magli, famiglia in fiore.

L'azienda agricola Magli è una micro impresa familiare che vede alle redini l'ultranovantenne Tonino, che gestisce ancora frutteti e campi con l'aiuto del figlio Gabriele e della nipote Martina. I Magli sono sostenitori della natura nella sue essenza più pura, sposando la filosofia biologica, biodinamica e della naturale imperfezione. D'altrone, la mela più lucida, era quella avvelenata della strega di Biancaneve. Stagionalità e sapori autentici caratterizzano le produzioni Magli.

Birrificio Vecchia Orsa, socialmente sociali.

Un progetto nato in un vecchio casolare della campagna Bolognese, cresciuto negli anni fino a diventare un grande laboratorio artigianale di San giovanni in Persiceto. Birrificio sociale, perchè grazie a un forte valore etico del lavoro, l'azienda ha deciso di sposare come causa l'integrazione collaborando con un associazione che da la possibilità a ragazzi con disabilità di autodeterminarsi, lavorando insieme e imparando un mestiere.

Miele Borvei, 2 fratelli e tante, tante api.

Due giovani fratelli che hanno deciso di dedicare il loro futuro alla produzione di miele artigianale delle colline Bolognesi. Lorenzo e Alessandro selezionano accuratamente tutti i terreni in base alla varietà di fiori e alberi per posizionare le arnie e far banchettare le proprie api. Oltre alle varietà di mieli che producono, i fratelli sperimentano altre lavorazioni della materia prima, per esempio integrando frutta secca o creando creme spalmabili. Dei mix da capogiro. Provare per credere!

Azienda vitivinicola Folicello, amore per la campagna.

Antonella e Marco sono cresciuti nella campagna Bolognese, acquisendo tutti i benefici e i valori che solo una vita in mezzo alla natura può offrire. Negli anni '80 iniziarono quasi per gioco a produrre del vino naturale, scommettendo da subito nella produzione biologica. Ad oggi, l'azienda si è allargata mantenendo gli stessi valori dettati dalla passione per l'uva e rispetto del territorio.

Umberto Negroni, piadeine e non solo.

In attività dal '96, Umberto è devoto alla tradizione della piadina Romagnola. Sebbene il laboratorio si sia ingrandito nel corso degli anni, ogni prodotto viene ancora cucinato a mano rispettando la tradizione artigianale di questo mestiere. Basta fare qualche passo all'interno del laboratorio per attivare le papille gustative e la voglia di piada crudo e squacquerone per almeno una settimana!